29 gennaio 2009

Libri che Lievitano di Prezzo (Curiosità!)

Non so a voi se vi è mai capitato di vedere nel corso degli anni(sempre lo stesso libro)lievitare di prezzo di tanto in tanto.

Faccio una premessa, i libri a cui mi riferisco io, sono sempre(tenuti costantemente sott'occhio) le stesse copie, alcune con copertina ingiallita di brutto, per via degli anni passati sopra gli scaffali, nello specifico testi di informatica a cui di tanto in tanto, viene applicato un bollino(di quelli adesivi)con il relativo sovrapprezzo.

Il fatto strano(almeno per me)che quando compero libri di informatica in libreria, mi viene
fatto uno sconto(per singola copia)di almeno due(2)euro, e parliamo di libri dell'anno corrente, non "vecchi" di cinque o sei anni fa.

E un fatto isolato o e capitato anche a qualcun altro?

20 gennaio 2009

Accedere Alla Linux Box, Quando si è Dimenticata la Password Root

Alzi la mano, chi almeno una volta non ha imprecato, per aver dimenticato la password di root.

Questo Spiacevole inconveniente non è raro per chi si approccia a Gnu/Linux, per la prima volta, specie nei primi mesi di utilizzo di Gnu/Linux. Personalmente questa scocciatura
mi è capitata un bel po' di volte, non perché dimenticassi con frequenza la password di root, ma perché ai tempi delle versioni 8, e 9, della Red Hat, mi capitava un fatto curioso.

Dopo la laboriosa(più che altro per la scelta dei pacchetti da installare)installazione del sistema, al login, molto spesso non mi veniva riconosciuta la password di root(tranquilli era quella esatta)che dire una bella seccatura.

Adesso dopo avervi raccontato le mie "disavventure" è meglio passare al nostro caso, cioè cosa fare dopo avere dimenticato la password di root.

Avviamo il nostro pc normalmente e facciamo caricare il boot, sino alla fine della del menu.

Dopodiché premiamo il tasto e.

Se in un multi boot scegliamo il sistema(quello in cui avete dimenticato la password) e facciamolo caricare, dopodiché premiamo ancora il tasto e.

Alla fine dell' output che ci appare scriviamo semplicemente

single

che ha il significato di "accesso a singolo utente".

Diamo invio, e si avvierà la shell con i privilegi root.

Nella shell appena aperta diamo questi comandi

mount -o remount, rw /
mount -avt nonfs, noproc, nosmbfs

poi avviamo un editor per modificare la password

vi /etc/passwd

dove va eliminata la x dopo root:
nella seguente riga root:x:0:0:root:/root:/bin/bash

avviamo nuovamente vi con

vi /etc/shadow

dove eliminiamo dopo root:
la seguente stringa casuale nella riga seguente

root:xjhdrtklfjjhcbstrv:15756:0:99999:5:::

Adesso riavviamo il sistema, e prepariamoci a accedere all' utenza senza nessuna password da digitare.

Normalmente è sempre possibile crearla quando riteniamo più opportuno, e cerchiamo di non
dimenticarcela più, almeno quella root.

Nokia Rilascia QT con Licenza LGPL


Nokia cambia licensing al frameworks QT, a partire da Marzo 2009 con la versione di Qt 4.5 viene aggiunta la LGPL. Con questa le licenze per le Qt passano a tre, la commerciale, GPL, e appunto la LGPL.

Dopo l'annuncio di Novell di togliere l'EULA(un accordo per gli utenti) nella distribuzione OpenSuse, ora è il turno di Nokia dopo avere acquisito la Trolltech, e di conseguenza il frameworks Qt.

Queste notizie non possono che far piacere alla comunita Open , ma la domanda mi nasce spontanea: che siano finiti veramente i tempi dello shared software? O che le aziende in tempo di crisi stiano cercando sviluppatori aggratis? Bah!

9 gennaio 2009

Perle Della Bash[09-01]

Ricerca tramite find, di determinati file in base all' estensione richiesta.
potete cambiare l'estensione per trovare il tipo di file che vi interessa.
:~$ find . -name '*.xml'


un'altro metodo di richerca con find.
Cerca tutte le parole che al loro interno contengono lettere 'cr', per esempio, potrebbero trovarsi in script, create, encripted, ecc, e stampa la lista delle frasi trovate in un file di testo tramite
redirezione dell output.
:~$ find . -name \*cr\* -ls > file_output.txt

Questo comando cerca tutti i file .txt, quindi file di tipo semplice [f] e ne verifica l'ultimo
accesso allo stesso, mandando tutto in output.
:~$ find . -type f -name*.txt” -printf “%f access time is %a\n”


Ecco la sintassi usata dall' utility find.
find directory [opzioni di ricerca] [azioni da intraprendere]

COMANDI UTILI
[-newer filename]   trova un file più recente di quello specificato nel comando.

[-type tipo]  si possono specificare vari tipi di file.
che sono:
[b]    file a blocchi
[c]    file a caratteri
[d]    directory
[l]    link simbolici
[f]    file semplici di testo
[p]    file pipe o "FIFO"

[-fstype tipo]      tipo di filesystem
[-ls]               stampa path corrente
[-print]            stampa i path name trovati
[-user username]    vero se appartiene all'username specificato      
[-group groupname]  vero se appartiene al gruppo specificato
[-perm (-)modo]     permessi ottali(-modo)
[-exec comando]     esegue comando specificato
[-name file]        vero se il file è quello specificato


Have fun!

5 gennaio 2009

HTML Elenchi per Creare Menu

La struttura dei menu di navigazione nelle pagine web, sono ottenute con delle liste <ol> ordinate, o con liste <ul> non ordinate. Ma molto spesso(dipende dai casi) vengono usate anche liste di definizione <dl>. Ecco dei brevi esempi di tipi di menu di navigazione che usano i vari elenchi di liste.

Elenco puntato
<ul>
<li>Elenco</li>
<li>Elenco</li>
<li>Elenco</li>
<li>Elenco</li>
</ul>


Elenco numerato
<ol>
<li>Elenco</li>
<li>Elenco</li>
<li>Elenco</li>
<li>Elenco</li>
</ol>


Elenco annidato puntato
<ul>
<li>Elenco</li>

<ul>
<li>Elenco</li>
<li>Elenco</li>
<li>Elenco</li>
<ul>
<li>Elenco</li>
<li>Elenco</li>
</ul>
</ul>
</ul>

Elenco annidato numerato
<ol>
<li>Elenco</li>
<li>Elenco</li>
<ol>
<li>Elenco</li>
<li>Elenco</li>
<li>Elenco</li>
<li>Elenco</li>
<ol>
<li>Elenco</li>
<li>Elenco</li>
<li>Elenco</li>
</ol>
</ol>
</ol>

lista di Definizione
<dl>
<dt>Termine di Definizione</dt>
<dd>Descrizione di Definizione</dd>
<dd>Descrizione di Definizione</dd>
<dt>Termine di Definizione</dt>
<dd>Descrizione di Definizione</dd>

<dd>Descrizione di Definizione</dd>
<dd>Descrizione di Definizione</dd>

<dt>Termine di Definizione</dt>
<dd>Descrizione di Definizione</dd>

<dd>Descrizione di Definizione</dd>

</dl>


Questo è il codice per la struttura html del menu di navigazione.
<ul id="lista-verticale">
<li><a href="#">primo</a></li>
<li><a href="#">secondo</a></li>

<li><a href="#">terzo</a></li>

<li><a href="#">quarto</a></li>

<li><a href="#">quinto</a></li>

<li><a href="#">sesto</a></li>

<li><a href="#">settimo</a></li>

</ul>
E questo il foglio con le regole css, che si occupa della formattazione grafica della lista.
#lista-verticale{
width:180px;
margin:0;
padding:0;
list-style:none;
font: 90% Trebuchet MS;
}
#lista-verticale a{
display:block;
text-decoration:none;
padding:3px 10px;
margin:1px 0;
border:1px solid #666;
background:#fff;
color:#009;
font-size:1.1em;
}
#lista-verticale li{
display:inline;
}
#lista-verticale a{
height:auto!important;
height:0;
}
#lista-verticale a:link,
#lista-verticale a:visited{
background:#008000;
color:#fff;
}
#lista-verticale a:hover,
#lista-verticale a:focus,
#lista-verticale a:active{
background:#eee;
color:#ff0000;
border-color:#666;
font-style:italic;
padding-left:15px;
}

Evidenziare un Blocco di Testo con CSS


Evidenziare un blocco di testo tramite i css.
Ecco come evidenziare del testo tramite la proprietà css background-color.

In questo caso abbiamo tre righe di testo inserite in una coppia di tag <p></p>, con all' interno un' altra coppia di tag <em></em> che a loro volta contengono il testo da evidenziare, che può essere composto da una sola parola, a intere frasi, a molte righe di testo.

La porzione di codice html
<p>Nell' anno 1996 il w3c rilascia le specifiche css1, <em>seguite dalle
specifiche css2 rilasciate nel 1998, che permettono ai web designer,</em> di
scrivere codice usabile, semantico, ed accessibile e di separare la grafica dal codice html.
</p>


Mentre il nostro file css contiene due semplici proprietà che sono font-style: italic; per il testo, e background-color: yellow; per quanto riguarda l' evidenziazione del nostro testo.

Queste sono le regole Css
em {
    font-style: italic;
    background-color: yellow;
 }

1 gennaio 2009

Perle Della Bash[01-01]

La shell bash(Bourne-Again-SHell)creata da Brian Fox, che è una delle shell più usate sui sistemi Linux prende il nome dal padre della shell UNIX (sh)Sthephen Bourne.

Ogni utente della shell bash, fondamentalmente deve avere una discreta conoscenza di questi quattro file per amministrare il sistema(e la shell, ma se ne possono creare altri)in modo ottimale, e questi file sono:
/etc/profile, HOME/.bash_profile, HOME/.bash_login, e HOME/.profile.


I più importanti sono /etc/profile e HOME/.bash_profile, in cui si trovano le variabili d'ambiente dell'intero sistema, e i programmi di avvio in /etc/profile, e le variabili e programmi che riguardano il solo utente in HOME/.bash_profile.

Ma come accennato precedentemente si possono trovare altri file che hanno a che fare con la shell(alcuni dipendono da voi stessi se li create o meno) tra cui HOME/.bashrc, HOME/.bash_logout e HOME/.inputrc.

Tra le altre cose di primaria importanza nella shell ci sono le variabili utilizzate dalla shell stessa, ne vediamo alcune.
PWD      assegna il percorso alla directory corrente
OLDPWD   contiene il path impostato precedentemente con un command cd
PATH     assegna il percorso a eseguibili e si può settare per aggiungere/rimuovere percorsi
UID      contiene l'user id dell'utente che esegue la shell
RANDOM   utilizzata per generare numeri casuali alla shell/numeri random
SECONDS  conta i secondi trascorsi da quanto la shell e in uso
IFS      utilizzata per suddividere parole/separatore di campo
PS1      contiene il prompt primario della shell/espandibile
PS2      come PS1/prompt secondario
PS3      contiene il prompt del comando select
HOME     contiene il percorso della directory home dell'utente



E adesso vediamo i principali comandi che servono tramite la shell stessa a "trattare" del testo.
cat      copia l'input di un file in output

head     mostra le prime 10 righe di un file

tail     al contrario di head mostra le ultime 10 righe di un file

sort     ordina le righe per l'input

wc       in un file conta le linee i caratteri e le parole

tr       cancella o sostituisce un carattere

grep     mostra linee di un file simile alle regex

uniq     elimina linee ripetute in un file

sed      e un stream editor

awk      linguaggio programmabile per l'elaborazione del testo


Per adesso con la shell è tutto alla prossima perla.

Buon 2009(almeno si spera)

Auguri di un buon inizio d' anno.